Usando questo sito, dichiarate di aver letto il Disclaimer e le norme sulla Privacy relativa ai contatori Shinystat e whos.among.us.

Un archivio del blog, con tutti i post fino ad oggi pubblicati, elencati per mese, lo trovate in fondo alla colonna centrale.

NORME relative ai commenti alla pagina "COME COMMENTARE".

“Non c’è nulla di male se una persona cerca di confutare gli insegnamenti e le pratiche di un gruppo religioso che ritiene in errore”.
(Svegliatevi! 8 settembre 1997, pagina 6)

martedì 8 agosto 2017

Avete mai pensato ad una data per armaghedon?



Nelle sale del regno dei TdG, durante i discorsi pubblici, spesso si sente dire dal podio che i veri cristiani non servono Dio in vista di una data, e che non l'hanno mai fatto.

Sorge però una domanda: perchè la storia dei Testimoni di Geova è piena di pubblicazioni (libri e riviste) che snocciolano date con imprudente sicurezza?

Ci siamo mai soffermati a verificare quante volte , dalla sua nascita, questa organizzazione ha proclamato il giudizio di Dio in relazione ad una determinata data? E che, ogni volta, le attese non si sono verificate?



Oggi le vecchie pubblicazioni dei TdG non vengono più stampate, inoltre a molti testimoni hanno richiesto indietro la vecchia letteratura cartacea in disuso con la scusa che serviva per mettere su un museo o una grande biblioteca a disposizione dei fratelli. In realtà l'organizzazione si sta dando da fare per far sparire dalla circolazione tutte le prove di profezie annunciate e mai verificate.

Una breve raccolta si può trovare in rete su internet (anche se in molte abitazioni - anche di ex testimoni - queste vecchie pubblicazioni vengono gelosamente conservate).

Analizziamo dunque alcune di queste "perle" profetiche prodotte nel corso del tempo.












La cattiva abitudine dei Testimoni di Geova (TdG) di indicare delle date per la fine di questo mondo risale a Charles Taze Russell, che era molto interessato alla cronologia biblica, dalla quale cercò di trarre indicazioni profetiche sulla fine del mondo. Ecco alcune delle sue "predizioni" conseguenti alle sue interpretazioni:

1799: inizia il "tempo della fine". Nel 1891 Russell scrisse che «il tempo della fine, un periodo di centoquindici anni, dal 1799 al 1914, è segnato in modo speciale nella Sacra Scrittura» (Venga il tuo Regno, Studi sulle Scritture, vol. 3, p. 23, si veda l'immagine sottostante). Egli scriveva che «la carriera pubblica di Napoleone Bonaparte è descritta così chiaramente nel racconto profetico da inserirsi con certezza nel tempo stabilito. Quando noi mostreremo che gli eventi citati qui nella profezia, concordano con le vicende storiche di Napoleone, potremo conoscere la data della fine dei tempi senza ombra di dubbio» (ibid. p.34 ss). Il libro spiegava, basandosi su Daniele 7:25, 12:7 e Rivelazione 11:3, che i 1260giorni menzionati in queste scritture erano da considerarsi come anni decorrenti dal 538, data della conquista di Roma da parte di Belisario e della fine del dominio barbarico dei Goti, per giungere al 1799, anno in cui papa Pio VI venne arrestato dalle truppe napoleoniche che avrebbero così posto fine al "dominio dell'anticristo". È davvero sorprendente come gli avvenimenti storici a volte possano coincidere con le "profezie"...





P. 23 del libro "Venga il tuo Regno", in cui si indicava
il 1799 come inizio del "Tempo della fine".

Le stesse sicurezze "profetiche" si ritrovano in numerosi scritti degli anni successivi. Per esempio, nel libro L'Arpa di Dio, pubblicato nel 1921, a p. 236 si legge: «Questi fatti fisici non possono essere contestati e bastano a convincere qualunque mente ragionevole che fin dal 1799 noi siamo stati nel "tempo della fine"». Chi non accettava tale data era quindi incapace di ragionare...

Oggi i TdG non credono più in questa data, cosi assolutamente indicata nella Bibbia, anzi, molti di loro non sanno nemmeno che un tempo la Watch Tower diffondeva questi "intendimenti" ai quali tutti i leali TdG dovevano credere per non essere considerati irragionevoli ed apostati.


Altre date vennero indicate come assolutamente certe (sottolineature mie):


1874: «Il prossimo capitolo presenterà l'evidenza biblica che il 1874 era la data esatta dell'inizio dei "tempi della restaurazione" e, pertanto, quella del ritorno del Nostro Signore» (Il tempo è vicino, p.170, 1889).

«Così abbiamo provato chiaramente con la Scrittura che il tempo del secondo avvento di Nostro Signore cadde nel 1874 e precisamente nell'ottobre di quell'anno». (Venga il tuo Regno, Studi sulle Scritture, vol.3, p. 118, 1891).
«Le Scritture provano che il secondo avvento del Signore avvenne nel 1874».
«Il Millennio iniziò nel 1874 col ritorno di Cristo» (Studi sulle Scritture, vol. 7, p.68, p.368).
«Nessuno può comprendere appropriatamente l'opera di Dio in questo tempo se non si rende conto che dal 1874, il tempo del ritorno al potere del Signore, ci fu un cambiamento completo nelle operazioni di Dio» (The Watch Tower del 15/9/1922, p.278).
Dato che gli attuali TdG non attribuiscono più alcun valore particolare al 1874, dovremmo dedurne, secondo le succitate parole, che attualmente essi non sono più in grado di comprendere il proposito di Dio...
«Le Scritture mostrano che la seconda presenza [del Signore] era avvenuta nel 1874...Questa prova dimostra che il Signore era stato presente dal 1874» (WT 1/3/1923, p.67).
«Sicuramente non c'è il minimo spazio di dubbio nella mente di una vera consacrata creatura di Dio che il Signore è presente e che lo è stato dal 1874» (WT 1/1/1924, p.5).
Chi non accettava tale data era quindi un incredulo, non era una "vera consacrata creatura di Dio"; gli attuali TdG quindi sarebbero tutti degli infedeli, poiché anche a tale data non attribuiscono più alcun particolare significato.

Uno dei libri di Russell, come si è visto, si intitola Il tempo è vicino e venne scritto nel 1889 (già allora quindi - più di cento anni fa - il tempo era vicino... cfr. Luca 21:8). In quell'opera venivano fatte molte altre dichiarazioni completamente sbagliate. Eccone alcuni esempi: «Il fatto che la sua presenza [di Cristo, dal 1799] non sia generalmente riconosciuta dal mondo, e nemmeno dalla maggioranza dei cristiani, non è un argomento contro questa verità»; «i segni predetti nell'ordine della loro predizione, sono chiaramente manifestati a coloro che sono svegli».


Riferendosi alle "prove scritturali" che sostenevano le sue speculazioni cronologiche, Russell scrisse: «Se esse non furono divinamente provvedute, da dove vengono? Non le abbiamo messe noi nella Parola ispirata; le troviamo in essa, in tutta la loro semplicità e bellezza. Questo è del vero "cibo solido"». Nell'ultimo capitolo si legge: «Viviamo già nel settimo millennio dall'ottobre del 1872. Il grande giubileo antitipico, - tempo per restaurare tutte le cose - ebbe il suo inizio nel 1874». Nella prefazione all'edizione del 1916 di questo libro si afferma che la «cronologia della Bibbia, presentata in questo volume, mostra che il grande settimo giorno, i mille anni del regno di Cristo, cominciò nel 1873. Vediamo che gli avvenimenti di questi ultimi 43 anni - che secondo questo volume sarebbero l'inizio del millennio - sostengono pienamente le profezie della Bibbia. È nel corso di questi 43 anni che pressoché tutte le invenzioni moderne sono state fatte. La macchina da cucire [sic!] ha 43 anni... Ancora, abbiamo, in abbondanza e a prezzi modici, ogni tipo di macchine e strumenti agricoli. Con questi mezzi, le ore di lavoro sono diminuite e "il sudore della fronte", che, secondo la Bibbia, è sinonimo di maledizione, sembra già in parte eliminato. Questo conferma in modo assoluto l'asserzione del presente volume che siamo già entrati nel grande settimo giorno». - P. 33, §1; p.198, §1; p:199, §1; pp. 200-1. §2, p.205, §1; p. 390, §1; edizione francese). Da notare la sicurezza con cui Russell si esprimeva: "Abbiamo le prove", "abbiamo una chiara prova", "questa verità...", ecc.





C.T. Russell (1852-1916).


«Il primo presidente di questa società, C. T. Russell, fu potentemente impiegato da Geova nel periodo in cui si ripristinavano basilari verità bibliche fra i veri adoratori di Dio sulla terra», si legge nella Torre di Guardia del 1/4/77, p. 207. I numerosi errori commessi da Russell smentiscono invece, decisamente, queste asserzioni dei suoi "eredi".

Di queste "profezie" gli attuali testimoni di Geova sanno poco o nulla: nessun libro di Russell - che essi considerano lo strumento di cui Dio si servì per ripristinare il vero cristianesimo - è infatti attualmente ristampato dalla Watch Tower. Il motivo è ovvio: i fedeli di Geova sarebbero sicuramente "turbati" da questi clamorosi errori. Meglio così che non sappiano.

Negli scritti di Russell si attribuiva un'enorme importanza alla data del 1914:


1914 «In questo capitolo presentiamo l'evidenza biblica che dimostra come la fine completa dei Tempi dei Gentili, cioè, la fine completa del loro permesso di dominare, sarà raggiunta nell'A.D. [Anno Domini]: 1914; e che quella data vedrà la distruzione del dominio dell'uomo imperfetto. ... In quella data il regno di Dio ... avrà ottenuto il controllo pieno e universale, e quindi sarà "insediato", ovvero saldamente instaurato in terra sulle rovine delle presenti istituzioni ... il gran "tempo di afflizione quale non fu mai da quando esistono le nazioni", perverrà [entro il 1914, ndr] al culmine in una situazione di universale anarchia. Prima di quella data il Regno di Dio, costituito al potere sarà sulla terra e percuoterà e schiaccerà l'immagine dei Gentili (Dn. 2:34) e annienterà completamente il potere di quei re». (Studi sulle Scritture, vol. 2, pp. 76, 77, 78, 1889. Cliccare sui numeri per visualizzare l'originale). «Non vediamo alcun motivo per cambiare le date né le potremmo cambiare anche se volessimo. Esse, ne siamo convinti, sono date di Dio, non nostre. Ma tenete bene in mente che la fine del 1914 segnerà non già il principio, ma la fine del tempo di angoscia» (Zion's Watch Tower, luglio 1894, ristampa, p.1677; il corsivo è nel testo. Qui l'originale). In una delle più note, ma pochissimo conosciuta, pubblicazione di Russell, Three World and the Harvest of This World (Tre Mondi e la mietitura di questo mondo) si legge: «E durante questi quarant’anni, [1874-1914 ndr] il regno di Dio dev’essere stabilito (ma non nella carne, "prima quello naturale e poi quello spirituale)", i Giudei saranno restaurati, i Regni Gentili fatti a pezzi, "come stoviglie d’argilla", e i regni di questo mondo diverranno i regni del nostro Signore e del suo Cristo, e verrà introdotta l’era del giudizio ... Non sono disposto ad ammettere che in questo calcolo possa esservi anche un solo anno di errore. E questo non per dogmatismo, poiché sono pronto ad ammettere che la mia opinione ed i miei ragionamenti possono dimostrarsi errati come quelli di molti altri; e se, nel caso di cui ci occupiamo, disponessi di un solo argomento a favore, sarei pronto a riconoscere che vi potrebbe essere la possibilità che un errore possa saltar fuori inaspettatamente. Ma vi è una così gran massa di evidenze. 
Molti degli argomenti, la maggioranza direi, non si basano sulla teoria giorno-anno, ed alcuni di loro, non sono nemmeno basati sulla cronologia; e tuttavia fra tutti quanti esiste una meravigliosa armonia. Se aveste risolto un difficile problema di matematica, potreste pensare di aver commesso qualche errore di calcolo. Ma se aveste risolto quel problema in sette modi diversi raggiungendo in ciascun caso lo stesso risultato, sareste sciocco se dubitaste ancora della sua esattezza. Questo è un esempio pertinente del peso dell’evidenza che esiste a favore della correttezza della nostra attuale posizione» (pagg. 83, 84, il corsivo è nel testo).


Quindi, ecco che cosa, in sintesi, si attendevano Russell e il suo gruppo per il 1° ottobre 1914:


1 - Il completo rovesciamento di tutti i regni o governi umani;



2 - La presa di potere totale e assoluta da parte di Dio mediante Cristo;



3 - La restaurazione del popolo d’Israele in Palestina.










Vi erano anche altre cose che essi si attendevano. Come scrisse in una lettera del 1914 uno degli intimi associati di Russell C.J. Woodworth, ad un suo correligionario: "Probabilmente ti sembro ridicolo perché il 1° ottobre 1914 non sono andato in cielo". Sì, il "rapimento" era un’altra delle cose che era attesa immancabilmente per quella data, e che, naturalmente non si verificò. Ritornando, adesso, alle attese per il 1914, possiamo vedere chiaramente che: nessun regno umano fu rovesciato dal regno di Dio, il regno di Dio non prese possesso degli affari terreni, il popolo d’Israele non fu restaurato nella sua patria, nessuno degli studenti biblici, fu "rapito" al cielo. In poche parole, niente di quello che Russell si attendeva ebbe luogo. Né d’altra parte era possibile che accadesse, in quanto, come ammette lo stesso libro Proclamatori, a pagina 631, "tutte quelle speranze e previsioni si basavano sul vivo desiderio di vedere l’adempimento delle infallibili promesse di Dio ben note a quei cristiani zelanti". Evidentemente, il "vivo desiderio" non è sufficiente perché la cosa desiderata si avveri, e ciò fu più che mai vero per il gruppo di Russell. Bisogna però dire, a onor del vero, che il "vivo desiderio" è un’aggiunta posteriore, in quanto per Russell, come abbiamo già visto, non si trattava di un "vivo desiderio" ma di una incrollabile certezza.
«Alcuni dei primi numeri della Torre di Guardia, come quelli del dicembre 1879 e del luglio 1880, mostrarono che il 1914 E.V. era un anno molto importante dal punto di vista della profezia biblica. Nel 1889 tutto il quarto capitolo del secondo volume dell'Aurora del Millennio[...] fu dedicato al soggetto “I tempi dei Gentili”. Ma che cosa avrebbe significato la fine dei tempi dei Gentili? Gli Studenti Biblici non erano completamente sicuri di ciò che sarebbe accaduto. Erano convinti che la cosa non si sarebbe risolta con la distruzione della terra nel fuoco e con l’eliminazione della vita umana. Anzi sapevano che avrebbe contraddistinto un momento significativo per il dominio divino. Dapprima pensavano che entro quella data il Regno di Dio avrebbe ottenuto il pieno controllo universale. Quando questo non si verificò, la loro fiducia nelle profezie bibliche che indicavano quella data non vacillò. Conclusero invece che la data aveva indicato solo il punto di partenza per quanto riguardava il dominio del Regno. In un primo momento avevano anche pensato che quella data sarebbe stata preceduta da disordini mondiali che sarebbero culminati nell’anarchia (che a loro avviso avrebbe accompagnato la guerra del “gran giorno dell’Iddio Onnipotente”). (Riv.16:14) Ma poi, dieci anni prima del 1914, La Torre di Guardia inglese indicò che i disordini mondiali che sarebbero sfociati nell’annientamento delle istituzioni umane si sarebbero verificati subito dopo la fine dei tempi dei Gentili». - Libro Proclamatori, p. 135.

Ecco altre previsioni "certe":



1918 «Nel 1918, quando Dio distruggerà le chiese su vasta scala e i milioni di membri di chiesa, accadrà che chiunque scamperà, si rivolgerà agli scritti [di Russell] per comprendere il significato del crollo della 'cristianità'». Il Mistero compiuto, edizione del 1918, p. 542.

«Sembra stabilito che l'ora del travaglio della Sion Spirituale è fissata per la Pasqua ebraica del 1918... gli angeli caduti invaderanno la mente di molta gente... guidando per mano le masse furiose alla distruzione». Studi sulle Scritture, vol. 7, p.128.
«... la Grande Piramide, le cui misure confermano l'insegnamento della Bibbia che il 1878 contrassegnò l'inizio della raccolta dell'età del vangelo... la raccolta si chiuderebbe 40 anni dopo, per testimoniare, nella primavera del 1918 A.D. ... che abbiamo solo pochi mesi per lavorare prima che la grande notte arrivi quando nessun uomo può lavorare». La Torre di Guardia (ristampa), 10/1/1917, p. 6149.

1925

Da una PROFEZIA SCRITTA da Rutherford nel 1920 Pagina 88 del libro "Milioni ora viventi non morranno mai":
"Un intendimento del Sistema del giubileo, che Geova ha inaugurato con Israele, getta una gran luce sopra gli immediati eventi futuri. ... Un semplice calcolo, ci porta a questo fatto importante: Settanta giubilei di 50 anni ognuno, fanno un totale di 3500 anni. Questo periodo di tempo cominciato nel 1575 prima l’anno di Cristo, PER NECESSITA' HA LA SUA FINE NEL 1925,
nel quale tempo il tipo finisce, ed il grande antitipo quindi deve marcare il principio del restauro di tutte le cose. La cosa principale da essere ristorata, é la razza umana alla vita, e poiché altre scritture definitivamente stabiliscono di fatto, che vi sarà una risurrezione di Abrahamo, Isacco, Giacobbe, ed altri fedeli del passato, e che questi avranno il primo favore, dobbiamo attenderci che il 1925 sarà testimone del ritorno di questi fedeli uomini d’Israele dalla condizione di morte, risorti, e completamente ristorati alla perfetta umanità, e così essere i visibili e legali rappresentanti del nuovo ordine delle cose sulla terra. "

«La data del 1925, è ancora più distintamente indicata dalle Scritture, perché è stata fissata dalla legge che Dio dette ad Israele» - La Torre di Guardia, 1/9/1922, p. 262.Cliccare qui per visualizzare la pagina originale. «Il nostro pensiero è, che il 1925 è definitivamente stabilito dalle Scritture... In confronto a Noè, i cristiani oggi hanno molto più evidenze su cui poggiare la propria fede in una prossima distruzione» - La Torre di Guardia, 1/4/1923, p. 106. Cliccare qui per leggere la pagina originale. Si veda anche la pagina Rutherford e il 1925.




Gennaio 1925: «L'anno 1925 è arrivato. I Cristiani hanno guardato a quest'anno con grande aspettazione. Molti hanno fiduciosamente atteso che tutti i membri del corpo di Cristo saranno trasformati nella gloria celeste durante quest'anno. Ciò potrebbe accadere. Ma potrebbe anche non accadere. A suo proprio tempo, Dio porterà a termine l'opera che concerne il suo popolo. I Cristiani non dovrebbero essere così profondamente preoccupati per ciò che potrebbe accadere durante quest'anno...». La Torre di Guardia, 1/1/1925, p.3.Cliccare qui per visualizzare la pagina originale.


Il 1925 venne e passò.


Nel 1931 scrissero: «C'è stata una certa delusione nei fedeli di Geova sulla terra a riguardo degli anni 1914, 1918 e 1925, la quale delusione è durata per un certo periodo. Più tardi i fedeli hanno imparato che queste date sono state definitivamente fissate nelle Scritture, e hanno anche imparato a smettere di fissare date per il futuro e prevedere cosa sarebbe accaduto in una certa data, ma a fare affidamento (come essi fanno) sulla Parola di Dio per gli eventi che devono accadere». Rivendicazione, libro I, pp. 338, 339, corsivo mio.


«In quello stesso 1925 sorsero difficoltà anche maggiori all’interno dell’organizzazione. Sin dal 1921 nel territorio francese si era fatta un’ampia distribuzione del libro Milioni ora viventi non morranno mai, e in base al suo contenuto ci si attendeva molto dal 1925. Ma quando il 1925 giunse e passò senza che gli avvenimenti previsti si verificassero, le persone di fuori che avevano letto il libro canzonarono i fratelli. Il fratello Jules Anache di Sin-le-Noble scrive: "Eravamo derisi dai nostri nemici che scrivevano articoli, uno dei quali fu intitolato ‘Milioni ora viventi non morranno mai se prendono le pillole Pink’, un popolare farmaco dell’epoca". Ciò che fu peggio, la fede di alcuni fratelli fu scossa. Alcuni si aspettavano di andare in cielo quell’anno. Questo provocò una vagliatura nelle congregazioni, particolarmente in Alsazia. La sorella Anna Zimmermann scrive: "Le speranze infondate causarono grandi prove. Molti si fermarono". Un’indicazione di questa prova fu l’adunanza con domande e risposte tenuta dal fratello Rutherford durante l’assemblea di Basilea in Svizzera che ebbe luogo dall’1 al 3 maggio 1926. Il rapporto sul congresso riferiva: "Domanda: I dignitari dell’antichità sono tornati? "Risposta: Certo che no. Nessuno li ha visti, e sarebbe sciocco fare un tale annuncio. Il libro ‘Milioni’ diceva che potevamo ragionevolmente attenderci il loro ritorno poco dopo il 1925, ma quella era semplicemente un’opinione". Era stato commesso un errore ma, come dichiarò il fratello Rutherford, non era una ragione per smettere di servire il Signore». Annuario del 1982, pp. 62, 63.






1932 Nel libro "Mistero compiuto" (ed. del 1917), si legge: «Il Tempo dell'instaurazione del Regno nella potenza è indicato come "nel quattordicesimo anno dopo che la città (cristianità) è stata colpita" - o quattordici anni dopo il 1918, vale a dire, nel 1932. - Ez. 40:1» (cliccare qui per visualizzare la pagina originale).


Il 1932 sarebbe quindi stato un anno profetizzato dal profeta Ezechiele. In tale anno il "Regno di Dio" avrebbe dovuto essere 'instaurato nella potenza'. Anche tale "profezia", ovviamente, non si è avverata.


Questa data - il 1932 - venne indicata per la prima volta nel 1917. Si noti invece cosa si legge nella "Torre di Guardia" del 15 febbraio1938, pp. 54, 55:


«Molti hanno evidenziato l’anno 1925 come la data della fine, poi quando tale data non si è realizzata, è stata spostata al 1932. Anche in questo caso, nel 1932 la “Cristianità” non fu distrutta, e ora si è scoperto che la “Cristianità” sarebbe stata salvata ancora per un po’ di tempo per il bene della classe dei Jonadab… Perché gli uomini hanno cercato di fissare la data in cui Dio avrebbe distrutto la moderna Ninive e non appoggiare la loro profezia ma prolungando il tempo per dare ad altri l’opportunità di sentire la verità e rimanere nella loro posizione verso Dio, è che ogni motivo è quello di essere prevenuti?» (sottolineatura mia).


In questo articolo ci sono senz'altro delle inesattezze e/o omissioni. Non è stato, infatti, "quando tale data [del 1925 ] non si è realizzata" che la fine "è stata spostata al 1932". Il libro "Mistero compiuto" venne scritto, infatti, diversi anni prima del 1925 ed in tale libro si parlava del 1932. E ad indicare tale data fu la stessa Watch Tower, anche se dal modo in cui si esprimono nella "Torre di Guardia" succitata, non si capisce con chiarezza che a fissare tale data (il 1932), ed anche quella del 1925, furono appunto gli stessi dirigenti della WTS.


La lezione però non era stata ancora sufficiente. Nonostante gli smacchi subiti, la Watch Tower continuò ad indicare altre date.







1935 A pagina 3 dell'opuscolo intitolato "La Guerra Universale è vicina", scritto dal secondo presidente della Watch Tower Society J. F. Rutherford e pubblicato nel 1934, si leggono le seguenti parole:


«Le argomentazioni che seguono non sono fondate sull'opinione di un uomo, ma hanno l'appoggio incondizionato delle profezie ispirate della Bibbia».


Ne consegue che ciò che venne scritto in questo opuscolo dovrebbe essere considerato degno della massima fiducia. Vediamo quindi cosa scrisse Rutherford alle pp. da 23 a 25 (i commenti fra parentesi quadre ed il grassetto sono miei):


«Secondo la profezia di Cristo Gesù la guerra mondiale fu troncata nel 1918 [e dove "la profezia di Cristo" parlava di questo "troncamento" della prima guerra mondiale? Questa è semplicemente l'opinione di un uomo e non ciò che dice la Bibbia. Infatti gli attuali TdG non credono più a questo "intendimento"] affinché la testimonianza per rapporto al Regno potesse esser data alle nazioni ed ai popoli. Il Signore comandò ai suoi testimoni che questa testimonianza doveva esser data alle nazioni, e aggiunse che quando tale opera sarà compiuta (Matteo 24: 14-21) "vi sarà grande afflizione; tale, che non v'è stata l'uguale dal principio del mondo fino ad ora, nè mai più vi sarà." I testimoni di Geova devono recare questa testimonianza, e se mancassero o rifiutassero di farlo, essi sarebbero distrutti. Durante questi ultimi 15 anni essi hanno ubbidito al comandamento di Dio recando questa testimonianza alle nazioni. Hanno pubblicato questo evangelo in più di 60 lingue ed hanno collocato nelle mani del popolo dei libri che lo contengono in numero di oltre 178 milioni d'esemplari. Molti milioni di persone hanno appreso la verità leggendo questi libri malgrado l'implacabile opposizione di Satana e dei suoi agenti. Le prove date dalle Scritture ed i fatti concreti indicano con chiara evidenza che quest'opera di testimonianza è pressoché compiuta, e quando lo sarà, incomincerà subito la guerra universale».


Quindi nel 1934 Rutherford pensava che la predicazione fosse ormai compiuta! In quell'anno c'erano in tutto il mondo circa 50.000 TdG, ed il "giudice", con notevole presunzione, credeva che la predicazione avesse ormai raggiunto tutte le nazioni! Ed ecco quindi quali erano le sue certe conclusioni (il grassetto è mio):


«E’ assolutamente certo che la guerra universale sta per scoppiare e che nessuna potenza riuscirà ad impedirla. L'Onnipotente Iddio ha decretato che sia combattuta per spazzar via l'empietà dall'universo. Iddio non muta. (Mal. 3:6) Il suo decreto si deve compiere. Egli disse: "Io l'ho detto e lo farò avvenire." (Isaia 46:11) Durante il lungo periodo d'attesa, dalla risurrezione di Gesù fino ad ora, Iddio ha comandato a coloro che hanno fede in Lui di aspettare pazientemente che giungesse la sua ora per agire. Egli disse loro (Sof. 3:8) : "Perciò aspettami, dice l'Eterno, per il giorno che mi leverò per il bottino; poiché il mio decreto è di radunare le nazioni, di riunire i regni, per versare su di loro la mia indignazione, tutto l'ardore della mia ira; poiché tutta la terra sarà divorata dal fuoco della mia gelosia"».


Ma quando Rutherford parlava di imminenza di questa "guerra universale", che cosa aveva in mente? Pensava che sarebbero passati ancora anni o decenni prima della fine? No, per lui tale evento era estremamente vicino, e ne era così certo da non avere esitazioni nel darne delle precise indicazioni temporali. Ecco infatti cosa aggiunse (il grassetto è mio)


«Durante i pochi mesi che rimangono ancora prima dello scoppio del cataclisma universale i poteri che reggono le nazioni della terra continueranno a fare dei trattati di pace ed a far credere ai popoli che con tali mezzi essi manterranno la pace nel mondo e faranno rinascere la prosperità. Essi continueranno pure ad emanare delle energiche leggi allo scopo di sopprimere la libertà di parola e privare i popoli della loro libertà. Continueranno a perseguitare e combattere i testimoni di Geova, i quali cercano di far pervenire la verità ai popoli. Avendo steso una mano forte sui popoli e avendoli completamente soggiogati, i poteri dittatoriali delle nazioni della terra diranno: "Ora abbiamo la pace e la sicurezza"; ma le Scritture rispondono, come si legge in 1 Tessalonicesi 5:3: "Quando diranno: Pace e sicurezza, allora di subito una improvvisa ruina verrà loro addosso, come le doglie alla donna incinta; e non scamperanno affatto"».


Quindi sarebbero passati solo "pochi mesi" prima della fine. Se si parla di mesi è chiaro che secondo il "giudice" l'umanità non avrebbe visto passare l'anno seguente (il 1935). Invece passarono mesi, e anni, e la fine, anche questa volta, non venne. (Le pagine originali:copertina, pag. 1, pag. 2, pag. 3, pag. 23, pag. 24, pag. 25)


1942 Anche questa fu una data indicata da Testimoni. All'assemblea che si tenne a Saint Luois, nel Missouri, dal 6 al 10 agosto 1941, venne presentato il libro Fanciulli. Nella Torre di Guardia (inglese) 15/9/1941, p. 288, così si commentava la presentazione di questo libro ai 15.000 giovani presenti: «Mai, in questi ultimi tempi c'era stata una visione così commovente... Ricevendo il dono, i "marcianti figli" lo hanno afferrato. Non un giocattolo, o qualcosa con cui giocare a proprio piacere, ma lo strumento provveduto dal Signore per il lavoro più efficiente nei rimanenti mesi prima di Armaghedon» (grassetto mio). Anche The Messenger del 1/9/1940, p. 6, diceva che «Armaghedon incombe sulle nostre teste». Per quanto riguarda questa data, i TdG pensavano che la "grande tribolazione", iniziata nel 1914 fosse stata temporaneamente interrotta per permettere il radunamento degli eletti (cfr. Matteo 24:21,22); la seconda guerra mondiale doveva essere la parte conclusiva di questa tribolazione: questione di "pochi mesi" e sarebbe giunta la fine (Religione, p. 198, 1940). Dato che di nuovo si parlava di "rimanenti mesi" (non di anni), la fine era ritenuta davvero imminente: 1941, o al massimo 1942.

Tali aspettative vennero alimentate anche da dichiarazioni come quella riportata nel libroSalvezza, stampato nel 1939: «I figliuoli nati prima di Armaghedon sono portati nel mondo mentre l’empia organizzazione di Satana influenza la vita di tutti sulla terra, ed esiste una sola via per trovare protezione e sicurezza per i loro figliuoli, come pure per altri, e cioè a dedicarsi interamente a Dio ed al suo regno onde trovare rifugio nell’organizzazione di Geova. Essi devono cercare la verità e conformarsi all’espressa volontà di Dio. Perciò quelli di Gionadab [così i TdG definivano un tempo coloro che avrebbero dovuto vivere per sempre sulla terra] hanno l’obbligo verso i loro figliuoli di far sì che essi siano correttamente istruiti, affinché abbiano l’opportunità di mettersi completamente sotto la protezione del Regno di Dio. Sembra dunque logico che non sia conveniente o ragionevole e né comando scritturale, di portare figliuoli nel mondo nel tempo immediatamente prima di Armaghedon, ove siamo adesso» (pag. 326).
I bravi Testimoni quindi avrebbero fatto bene a non mettere al mondo figli, dato che si trovavano (nel 1939) "nel tempo immediatamente prima" della fine del mondo.

Nel 1969 scrissero: «È vero, in tempi passati vi sono stati alcuni che hanno predetto la "fine del mondo", annunciando perfino una data specifica. Alcuni hanno raccolto intorno a sé gruppi di persone e sono fuggiti sulle alture o si sono ritirati nelle loro case, aspettando la fine. Tuttavia non è accaduto nulla. La "fine" non è venuta. Si sono resi colpevoli di falsa profezia [= falsi profeti, ndr]. Perché? Che cosa mancava? ... Mancavano a tali persone le verità di Dio e l'evidenza che egli le guidava e le impiegava. Ma che dire di oggi? Oggi abbiamo l'evidenza richiesta, tutta. Ed è schiacciante! Tutte le numerose parti del grande segno degli "ultimi giorni" sono presenti insieme alla conferma della cronologia biblica» (Svegliatevi!, 22/4/1969, p. 23. Cliccare qui per visualizzare la pagina originale).

«Il metodo migliore per vedere se una profezia è vera o è falsa, è mettere la profezia alla prova del tempo e delle circostanze» (La Torre di Guardia, 3/1/1965, p. 151).

«Qual è il futuro dei giovani? Se siete giovane dovete considerare il fatto che non invecchierete mai in questo attuale sistema di cose... Se siete nella scuola superiore e pensate forse all'istruzione universitaria, significa almeno quattro anni, forse sei o otto anni ancora per laurearvi. Ma dove sarà allora questo sistema di cose? Sarà molto avanzato sulla strada che porta alla fine, se non in effetti scomparso. Questa è la ragione per cui i genitori che basano la propria vita sulla profetica Parola di Dio [leggi: gli "intendimenti" di Brooklyn] trovano molto più pratico indirizzare i loro giovani in mestieri che non richiedono un tale lungo periodo di ulteriore istruzione. E i mestieri come quelli di falegname, idraulico e altri saranno utili non solo ora, ma forse anche di più nell'opera di ricostruzione che si farà nel nuovo ordine di Dio» (Svegliatevi!, 8/11/1969, pagine 15, 16).

«I genitori che sono testimoni di Geova hanno un'altra ragione molto solida per indirizzare la vita dei loro figli a mestieri utili. Sanno dall'adempimento della profezia biblica che la società industriale d'oggi si avvicina alla sua fine. Fra breve riceverà il colpo mortale dallo stesso Dio Onnipotente. ... Dopo ciò, nel nuovo ordine di Dio si farà un lavoro di ricostruzione per trasformare quest'intera terra in un paradiso. ... Molti tipi di mestieri saranno allora utilissimi, come lo saranno le capacità in agricoltura ed edilizia. Guidando dunque i loro figli lungi dalla cosiddetta istruzione 'superiore' d'oggi, questi genitori risparmiano ai loro figli di esporsi a un'atmosfera sempre più demoralizzante e nello stesso tempo a prepararsi anche per la vita in un nuovo sistema» (Svegliatevi!, 22/11/1971, p. 8). Invitavano quindi a non proseguire gli studi.[1]

«Si odono notizie di fratelli che vendono la casa e i beni e dispongono di trascorrere il resto dei loro giorni in questo vecchio sistema facendo il servizio di pioniere. Questo è senz’altro un modo eccellente d’impiegare il breve tempo che rimane prima della fine del mondo malvagio» (Ministero del Regno, 6/1974, p. 2).



* * * * * 


Questo che leggete sopra è un testo copiato dal sito. I link non sono funzionanti. Per il testo completo, visitate questo link: http://credenti.freeforumzone.com

Come possiamo vedere, è dalla nascita che quest'organizzazione millanta di avere la guida di Dio, ma i risultati non le danno ragione

Deuteronomio 18
20 “‘Comunque, il profeta che ha la presunzione di pronunciare in mio nome una parola che io non gli ho comandato di pronunciare o che parla nel nome di altri dèi, quel profeta deve morire. 21 E nel caso che tu dica nel tuo cuore: “Come conosceremo la parola che Geova non ha pronunciato?” 22 quando il profeta parla nel nome di Geova e la parola non avviene o non si avvera, quella è la parola che Geova non ha pronunciato. Il profeta la pronunciò con presunzione. Non ti devi spaventare di lui’.
















Stai leggendo questa pagina da un cellulare?





indirizzo email dell'amministratore del blog:





67 commenti:

  1. Il post è molto lungo (e la pagina da cui è stato tratto ancora di più), ma merita 10 minuti di attenzione, questo vale specialmente per coloro che pensano che l'organizzazione non abbia mai instillato aspettative per determinate date.

    RispondiElimina
  2. Caro Jhon il motivo di tali predizioni è semplice,l'ho capita sulla mia pelle io superstite del 1975; mettiamo per ipotesi che i 7 vegliardi visionari un giorno dicessero che la fine è rinviata non si sa'a quando, forse centinaia di anni più avanti,che forse tante altre generazioni devono sovrapporsi, ebbene quanti ne rimarrebbero in questa organizzazione? Io credo non più del 20%, probabilmente solo coloro che hanno interessi immediati e lucrano su i loro fratelli. Il resto si scioglerebbero come neve al sole!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...caro Giordano Bruno ciò è il segreto commerciale del business profetico che vende certificati di indulgenza quali biglietti per l'eterna beatitudine.

      Ramiro

      Elimina
  3. La visione utopica della WTS dei sopravvissuti redenti sembra quella di una comunità agreste di lavoro (proprietà collettiva?) sotto la regia di delegati "speciali" (per licenza divina) che rappresentano un'aristocrazia amministrativa insindacabile.
    Una visione che non è rara in certi gruppi millenaristi Usa di fine '800 di origine prevalentementa agricola sorti come reazione all'avvento dei grandi monopoli finanziari (trusts) che con la collusione delle leggi di Stato espropriavano tramite debito bancario queste comunità rurali.


    Ramiro


    RispondiElimina
  4. quante volte ho letto, oppure ho sentito dire dal podio, che la società non ha mai menzionato date, ma la "colpa" era dei semplici proclamatori che avevano aspettative errate.

    Ormai sono alla frutta, "consapevoli" e fondamentalisti.

    Ma come i "madonnari" o i "padrepiisti" incalliti, il fanatismo religioso non ha tregua.

    Continuo a guardarmi allo specchio ed a prendermi a schiaffi... ma come ho fatto? Ma come ho fatto? Come...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anziano riflessivo

      Caro John ti rispondo con un semplice IDEM
      Purtroppo anche io mi chiedo, a più di 40 anni, come ho fatto??
      ma la domanda che mi fa rabbrividire è: esisterà mai un modo per poter abbandonare questo carrozzone senza vedere almeno i componenti della mia famiglia essere ostracizzati????
      Penso, purtroppo di conoscere già la risposta

      Elimina
    2. Caro amico, il carrozzone è stato costruito per "legare" i suoi passeggeri. La realtà che ho toccato con mano, in 30 anni di attività, è che dentro ci trovi persone di ogni tipo.
      I fedelissimi convinti, spietati e senza vero amore, coloro che rivendicano il diritto di fare (in privato) come pare a loro, etc.

      Ci sono molti testimoni che salutano e/o stanno in compagnia di figli e/o amici disassociati (ovviamente di nascosto), altri che lo possono fare solo perchè hanno in mano informazioni con cui possono ricattare/minacciare gli stessi anziani.

      Una zelante pioniera mi ha raccontato di un gruppo di lingua spagnola, dove 2 giovani sorelle di giorno erano zelanti proclamatrici (pioniere ausiliarie) e di notte battevano i marciapiedi dell'altra parte della città !! Chi me l'ha detto è tuttora una zelante "sorella" ed ovviamente ha ostracizzato me e mia moglie.

      Con questo ricatto morale, hanno creato un "contenitore" da cui, per molti, è impossibile uscirne.
      Coloro che non credono più o che si sono fatti una loro idea personale, e non sono più allineati al corpo direttivo, sono tantissimi.

      Ecco perchè oggi le casse delle congregazioni sono al verde.

      Ed ecco perchè la sede centrale richiede delle contribuzioni "fisse" obbligatorie ad ogni congregazione, lasciano poi i poveri anziani a fare i salti mortali con continue esortazioni ai "fratelli" perchè contribuiscano.

      So che in diversi casi alcuni anziani hanno pagato, o stanno pagando, di tasca propria le quote mensili, forse perchè pensano che i proclamatori non siano proprio in gradi di dare di più.

      Invece la realtà è un'altra... molti restano sì dentro, ma si rifiutano di contribuire oltre quel minimo (quasi nulla) che già devolvono all'organizzazione

      Elimina
    3. Gioventù Bruciata8 agosto 2017 17:32

      Che cos'è questa storia delle contribuzioni fisse?

      Elimina
    4. Ne avevo già parlato. Quando una congregazione non invia abbastanza fondi tramite le cassette per l'opera, agli anziani è chiesto di prelevare un tot a proclamatore dal fondo cassa della congregazione ed inviarlo alla sede centrale.

      Ancora:
      mettiamo il caso che una congregazione abbia raccolto (esempio) 80.000 euro per costruire una sala del regno, e ne manchino altri 40.000 per ultimarla.
      A quel punto la sede centrale dice: inviate s noi quei 80.000 euro, ci pensiamo noi ad ultimarla, poi ci restituirete un Tot al mese (ma quel tot non sarà fino al rimborso della somma spesa dalla congregazione locale ma... a vita - tipo affitto)
      Se poi col tempo la congregazione non riuscisse più a mantenere quella sala, la stessa verrebbe venduta ed il ricavato andrebbe tutto... alla congregazione centrale !! Chi avesse fatto donazioni per costruire quella sala.... si terrebbe tutto la sede centrale !!

      capito?

      Elimina
    5. Gioventù Bruciata9 agosto 2017 09:54

      John grazie per la spiegazione,..."Quando una congregazione non invia abbastanza fondi"...ma allora non si tratta più di contribuzioni volontarie ma di un guadagno che la wts ha già prestabilito a tavolino di incassare su ogni singola congregazione. Quindi è come la tassa dei rifiuti, paghi in base al nucleo familiare.
      Poveri polli.

      Elimina
    6. Cara gioventù bruciata, le informazioni sono dell'anno scorso, e sono contenute in alcune circolari che mi sono state passate da anziani che frequentano questo blog. E ovviamente queste disposizioni possono cambiare di anno in anno ma sempre a vantaggio dei soliti noti… In poche parole, ogni mese le congregazioni devono pagare un balzello fisso

      Elimina
    7. io piu che contribuzioni parlerei di ladrocinio ed estorsione, come mi piace quando i TdG dicono di essere onesti.. si ma quandomai!
      salvatore

      Elimina
    8. Avvoltoio a digiuno9 agosto 2017 21:11

      Ciao John scusami per il luogo errato in cui scrivo ma spero che tu o altri possiate aiutarmi: Posso trovare le informazioni di questo blog in tedesco, o altrimenti cosa mi consigliate?
      Sempre con stima Ringrazio

      Elimina
    9. In fondo a questa pagina trovi lo strumento google per tradurre in altre lingue. Si può usare il traduttore per leggere il blog in tedesco.
      Ovviamente le traduzioni di Google sono abbastanza assurde, sgrammaticate... ma tra un vocabolo e l'altro si può capire a grandi linee il senso del discorso..
      Altrimenti ci sono i siti americani (i tedeschi in genere conoscono bene l'inglese)

      http://jwsurvey.org/

      http://jwfacts.com/

      http://aawa.co/

      http://watchtowerdocuments.org/

      http://www.jwstruggle.com/

      http://cult101.com/

      http://avoidjw.org/

      Chi conosce un minimo di tedesco può cercare siti in quella lingua su google

      Elimina
    10. Ogni anno per la WTS (come per tutte le "charities", ONG e simili) rappresenta contabilmente un anno finanziario: un periodo amministrativo di raccolta e utilizzo dei mezzi finanziari. Quindi va da sè che tutte le disposizioni in materia pecuniaria che vengono elargite sono la traduzione operativa di una pianificazione finanziaria. Ogni anno viene stilato un bilancio preventivo nella quale vengono attribuite poste prospettiche da realizzare nei vari interventi di raccolta: assemblee estive su tutti.


      Ramiro

      Elimina
    11. Informo che ogni congregazione 'paga' un abbonamento per jw(qualcosa) per i video che mensilmente vengono trasmessi in sala. Puntualmente menzionato nella relazione dei conti. In CH è di 40 franchi

      Elimina
    12. La normativa svizzera sui diritti di autore su video di culti, non la conosco, forse in Italia i diritti SIAE su materiale di culto non si applicano.

      Elimina
  5. Anziano riflessivo

    Anche se purtroppo non ho il piacere di conoscerti di persona, ti apprezzo e stimo molto il tuo operato
    Continua così John a beneficio di noi tutti che con vivo interesse leggiamo i tuoi post

    RispondiElimina
  6. Una volta passata la delusione per le date che non si sono avverate, nel tdg medio prende posto una cosa ancora peggiore, l'imminenza della fine, cioè ogni giorno futuro potrebbe essere quello buono. Complici i sorveglianti e gli oratori ai congressi che han sempre inserito quelle frasi ambigue nei discorsi finali, e la ricerca di ogni notizia nei media che avvalori quanto è malvagio il -mondo- e che non può continuare così per molto. Eppure io ricordo quando facevo le scuole medie che i profeti di sventura immaginavano finisse il petrolio nel 2000, o sulle riviste WT a cavallo del '75 che riportavano tante notizie negative su ogni aspetto mondiale, che leggendole oggi viene da sorridere perchè non si sono avverate. Una amica tdg era in forte crisi perchè non sapeva se accettare l'interesse di un fratello più vecchio di lei di 22 anni. Io l'avevo messa in guardia considerando che una volta diventati di una certa età la differenza si sarebbe fatta sentire, ma lei con naturalezza aveva risposto che tanto non sarebbero invecchiati. Eppure i tdg non capiscono che le parole -presto- e -fra breve-, in realtà non si sono mai avverate benchè è da più di un secolo che continuano a ripeterle.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dici bene complottista, ogni evento è buono x suscitare clamore e fibrillazione, adesso poi con la corea del nord, ci vanno a nozze.

      Elimina
  7. Le pubblicazioni WT sono zeppe di espressioni che mantengono sotto la presa del senso d'urgenza (in realtà un un modo potente di condizionare gli adepti).
    Avevo creato un post qui per raccoglierle, e non manco di tenerlo aggiornato:

    http://forum.infotdgeova.it/viewtopic.php?f=13&t=21759

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dimenticavo... La raccolta inizia dal 2016 a qui. Ovvio il fatto che tali espressioni esistono da sempre, non solo scritte ma spesso anche espresse in discorsi. Per me sono circa 40 anni che le leggo e sento...

      Elimina
    2. Zeta

      Che strazio con questo senso d'urgenza, che poi quando e' ora di recuperare una pecorella smarrita la lasciano marcire fuori per mesi se non anni anche se pentita, e li'? dov'e' il senso d'urgenza?
      Com'era la scrittura? Lenti al perdono e abbondanti di giudizio sommario e arbitrario? Oppure Abbondanti all'ira e lenti nell'amorevole benignita'?

      Elimina
  8. Risposte
    1. Mi chiedo alle volte come sia stato possibile rimanere all'oscuro di tutto ciò per 40 anni...
      Sentivo dire di non ascoltare le critiche che venivano da fuori, di non leggere pubblicazioni e libri degli "oppositori" perchè questo sarebbe stato peccato contro Dio.
      Non leggere libri di psicologia, di filosofia, non leggere niente di niente che non fosse uscito dalle stamperie watch tower.
      E adesso mi rendo conto di essere stato fregato. In questi giorni ho fatto un tuffo nel passato in quanto mi sono sentito con i compagni di scuola della maturità di oltre 30 anni fa; per me è stato doloroso ripensare al ragazzo di 19 anni che ero e al modo in cui ho vissuto questi 30 anni. Ora sono libero ma sono condizionato dalle scelte fatte allora, alle occasioni perse, al modo in cui ho limitato i miei orizzonti pensando all'imminente fine.
      Tristezza e rabbia.

      Elimina
    2. Caro Leo, siamo più o meno quasi tutti nella medesima situazione e proviamo più o meno gli stessi sentimenti. Forse pensare troppo al passato non serve molto. La nostra vita dovremmo cercare di incentrarla maggiormente sul buono che si può ricavare dal presente.

      Elimina
    3. Grazie Socrate, hai sicuramente ragione.
      In questi giorni per me è stato impossibile non pensare al passato e il mio passato è inevitabilmente intrecciato alla mia esperienza con i tdG.
      Mi sforzerò di pensare al presente.
      I consigli più semplici sono i più saggi. Grazie ancora.

      Elimina
  9. (Scricciolo) Ascoltare i telegiornali e leggere le notizie di attualità mette veramente ansia, tanto da chiedermi se a breve si arriverà ad un caos mondiale e chiedermi anche "se Dio non interverrà, in che modo risolveremo o come ne usciremo??" Eppure quasi non credo più a ciò che affermano i tdg e il tuo post svela chiaramente un aspetto importantissimo...ma c'e la parte di me che valuta e teme..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquilla Scricciolo... (sei una "lei", se non ricordo male...) Non succederà nulla, sono eventi storici che sono sempre accaduti e sempre accadranno. Si vede che non sei ancora completamente disintossicata dalla sindrome da fine imminente, ma col tempo ci arriverai... La Nord Corea è ben lontana dal potenziale bellico americano, se si arriverà ad una guerra verranno schiacciati... Anche Russia e Cina non tollerano molto quel regime... Rimaniamo razionali.

      Elimina
    2. Jonny

      Cosa si dice della Corea del nord?
      Che sia il nuovo Re del nord della profezia? 😂😂

      Elimina
    3. è il bisenes delle armi belliche ...i magazzini sono pieni e ogni tanto bisogna pur svuotarli con queste pagliacciate ...tanto dietro ci sono le solite famiglie finanziatrici sia negli USA che nella COREA, sono secoli che è in moto questo gioco sporco sfruttando l ignoranza del umanità primitiva.

      Elimina
  10. Una cosa che continuo a chiedermi è qual è il confine, nell'ambito dei testimoni di Geova, fra ingannati ed ingannatori
    Gli ingannatori sono da cercare fra quelli che vivono di religione e che vivono bene con questa attività senza dover lavorare.
    John mi spiegherà che non sono tanto le persone quanto il sistema che crea questi tranelli e queste catene.
    Però il sistema è stato creato e portato avanti da persone. Qual è il livello gerarchico di queste persone fra i testimoni di Geova?
    Sono costoro i 7 del corpo direttivo oppure ci sono poteri economici reali ed effettivi?
    Forse non ha nessuna importanza trovare la risposta a questa domanda; è importante uscire da questa trappola e fornire le informazioni perchè altri non ci cadano dentro. Il mondo non sarà mai un posto in cui si potrà abbassare la guardia ed affittare il cervello a qualcun'altro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il sistema è rodato da millenni, gente che crederà in un creatore, ci sarà sempre. Il sistema, nonostante l'acculturamento innalzato regge bene. Perchè fa comodo alla politica, orientare le masse. Un popolo completamente scafato ateo, sarebbe l'incubo della politica.

      Elimina
    2. ...."Un popolo completamente scafato ateo, sarebbe l'incubo della politica"

      Giustissimo "navigatore"! C'è solo da precisare che la politica assalita dagli incubi sarebbe quella della classe possidente che controlla e dispone di investimenti, risorse produttive, tassi di occupazione e retribuzione, controlla la spesa pubblica e la politica fiscale attraverso la sottoscrizione del debito pubblico (titoli di Stato e loro rendita) fino a controllare l'apparato politico-amministrativo (totale fusione personale tra oligarchia della governance d'impresa e ministri/parlamentari) e l'apparato coercitivo del regime sociale classista (forze armate, polizia, magistratura): infatti chissà perchè esistono i santi patroni di ciascun corpo militare....
      La "morale di Dio" è quella che fa virtù dello sfruttato/oppresso che non va a tirare giù le mutande del sistema di oppressione cui è soggetto: è la morale decantata da tutti i "canali di Dio"; essi dicono: aspetta il giorno di Jahvè! o chi per lui...
      Ecco il "valore d'uso" delle confessioni religiose per le classi dominanti, che sulla base di questo concedono privilegi fiscali e penali. E le "teocrazie" di turno, professioniste del mestiere, ringraziano leccando le "autorità"...

      Ramiro

      Elimina
  11. Che sia poi vero che aspettano Armaghedon con tanta ansia?Io ,onestamente,ne ho sempre avuto paura.Mi dicevo che avrei perso mio nonno,mio padre e altri parenti non Tdg.Mi sentivo pure in colpa(poco spirituale)per questi ragionamenti.Nel mio cuore allontanavo il più possibile questa imminente catastrofe.Vergine 75

    RispondiElimina
  12. Comunque non giurerei che,bel caso la fine venisse spostata molto in la nel tempo,in moltissimi abbandonerebbero .In famiglia mia no di certo.Verrebbe camuffata da fede la paura di lasciare un credo che li tiene imbrigliati da oltre 40 anni.Vergine 75

    RispondiElimina
  13. Infatti secondo me la fine imminente serve principalmente per attirare le persone dentro.
    Altrimenti chi ha conosciuto i tdg come me a 14 anni poteva pure aspettare un po.
    Invece no! perché se (come mi diceva la pioniera che mi fece lo studio ) la generazione del 1914 avrebbe visto la fine io dovevo affrettarmi a decidere.
    Poi la fine imminente serve ai tdg a procastinare le cose da fare.
    Fare l'università? !! Ma no !!!la fine tanto è vicina. ...
    Fare i figli? !!! Ma no !!! la fine è vicina. ..ecc ecc
    Se una fede è profonda, se a una spiritualità ci si arriva con il normale decorso della vita. ...osservando quello che ci circonda. ...studiando con la mente aperta....a cosa serve una data?
    Ognuno ha la sua data , il giorno in cui morirà.
    Lo stratagemma delle religioni come quelle dei tdg è invece proprio quello di farti pensare che potresti non morire mai!!!!!
    In realtà poco gli importa se una data è giusta o meno in realtà stanno sempre a guardare i segni della fine perché sperano che armaghedon arrivi mentre sono in vita e non debbano affrontare quel salto nel buio che è la morte.
    Elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è un po quello che viene detto in questo video: i testimoni di geova e il curioso caso dell imminente fine - you tube.

      Elimina
    2. Condivido, @Elisa.
      Oggi parlando con un caro amico, abbiamo discusso più o meno di questo, e cioè la "programmazione" alla quale sembra che siamo stati soggetti quando eravamo dentro i tdg.
      Ogni cosa è fatta per erigere invisibili eppur quasi invalicabili muri mentali. Termini diversi, parole nuove, PNL vera e propria, che solidifica sempre più le dinamiche del gruppo.
      Un massiccio e continuo bombardamento di informazioni, sottoforma di discorsi, parti alle adunanze, e video, sempre più video, dal grande potere persuasivo e motivante.
      La mente e la psiche viene gradualmente e costantemente formata, secondo i canoni della "torre di guardia".
      L'ignobile uso della fede, come mezzo per esercitare autorità e potere su un gruppo di persone ingenue e poco informate.
      La strumentalizzazione di Dio, di Gesù, la vittoria dell'apparenza sulla sostanza, la spersonalizzazione dei singoli per uniformare la massa, tutta uguale e coesa, come un informe ed immenso essere la cui mente è lo "schiavo fedele" o, come amo definirlo io, il "corpo radioattivo", che esula le sue radiazioni camuffate da spirito Santo per dirigere dove vuole gli ignari o consapevoli adepti...
      Grazie watchtower, grazie per la gravità del male che compi..
      Possa tu pagarne tutte le conseguenze nefaste, perché grande è la tua colpa..
      (Scusate lo sfogo)

      Elimina
    3. Ah....le DINAMICHE DA GRUPPO...queste maledette!
      L'antropologo Gustave Le Bon disse: " Le folle comprendono raramente qualcosa degli eventi che compiono " ...come dargli torto?!
      Purtroppo è così, e da questa cosa non si sfugge, singolo e gruppo NON SONO LA STESSA COSA. È possibile prendere 10 singoli,disposti a sottoscrivere e giurare INDIVIDUALMENTE in favore del bianco,metterli tutti insieme, ed ottenere cmq un gruppo che decide COLLETTIVAMENTE per il nero. Eppure sono sempre LE STESSE PERSONE! Ciò che cambia, sono " solo" le DINAMICHE PSICOLOGICHE alle quali si sottopongono...volontariamente o involontariamente, consciamente o inconsciamente. Ciò che conta davvero,la vera prova del nove, è solo e soltanto IL RISULTATO FINALE. Prendi 10 tdg sedicenti " consapevoli ", e chiedi loro cosa pensano dell'ostracismo, ad esempio. Presi INDIVIDUALMENTE,quelli argomenteranno in relazione all'errore di tale pratica,e alla loro dissociazione in merito ad essa. Eppure, metti sempre quegli stessi 10 in una sala del regno,e scoprirai che, COLLETTIVAMENTE ANCORA LA PRATICANO! non solo...dal momento che si ritengono " consapevoli ",se tu proverai a far loro notare la falla a livello PRATICO( perché a parole siamo buoni tutti) ,questi si offenderanno pure,perché considerano sé stessi PROFONDAMENTE DIVERSI dal resto dei tdg, ai quali ora si sentono accumunati. Ed hanno pure ragione, da un certo punto di vista, perché presi INDIVUALMENTE lo sono davvero. Mostrano di essere diversi ed anche consapevoli... chi più, chi meno. Evidentemente, non hanno ancora compreso LA FORZA DEL BRANCO,e la distorsione che la sua SILENTE INFLUENZA può ancora esercitare sulle loro stesse coscienze. Quei 10 tdg che condannano INDIVIDUALMENTE l'ostracismo, ma che poi lo praticano COLLETTIVAMENTE,si avvalgono inconsciamente della DERESPONSABILIZZAZIONE che l'appartenenza ad un gruppo gli fornisce prontamente, in caso di bisogno. In fin dei conti, diciamocelo pure... se TUTTI rubano, allora è come se non lo facesse NESSUNO! certo, vallo poi a spiegare ai DERUBATI,che nulla è accaduto! ma questo conta assai poco, per quei 10. Perché questi, SCAGIONATI IN COSCIENZA dalle proprie responsabilità e decisioni ,attribuite infatti ALL'INCONTESTABILE VOLERE DEL GRUPPO,e mai a sé stessi...quei derubati gli hanno già allontanati ed emarginati. Perché,tra le altre cose, è anche tipico delle dinamiche da gruppo,questo stesso sviluppo. Ovvero,ATTRIBUIRE AI DERUBATI,la responsabilità e la colpa di quegli stessi furti,che invece hanno solo subito. Per questo, il tdg non può dare un reale credito al fuoriuscito di turno. Perché, per farlo, dovrebbe necessariamente correre il rischio di PERDERE IL SUO EQUILIBRIO, e dovrebbe anche scontrarsi con un VOLERE COLLETTIVO opposto a quello insito nella sua stessa COSCIENZA INDIVIDUALE. E,questo tipo di CRISI, vengono rifuggite più di ogni altre. Perché è troppo difficile guardarsi davvero allo specchio, e dover ammettere: "cavolo, io sono uno di quei 10 tdg,che condanna individualmente l'ostracismo.... ma che poi lo pratica cmq a livello collettivo! perché mai,ho permesso AD UN GRUPPO,di rendermi partecipe di queste sue MACABRE DECISIONI???".
      È proprio vero,per citare nuovamente Gustave Le Bon,che " per il solo fatto di appartenere ad una massa organizzata ( o GRUPPO, che dir si voglia),l'uomo scende di parecchi gradini la scala della civiltà " ....in nome di un gruppo, ci si ritrova spesso a fare,o a sottoscrivere decisioni che ,SINGOLARMENTE, forse mai prenderemmo! Ma tanto,poi,la colpa e la responsabilità, ricade sempre su un fantomatico sig. Gruppo...cosicché risultano essere tutti innocenti. Tutti colpevoli, NESSUN COLPEVOLE!
      così gira il mondo, non c'è niente da fare!
      Ale

      Elimina
    4. Ognuno di noi condanna la guerra ..ma poi nel nome della patria si va in guerra.

      Elimina
  14. Una sorta di pizzo alla WTS che quando decide ti espropria anche l'immobile e lascia i fratelli in braghe di tela...

    RispondiElimina
  15. L'organizzazione non propone più date per la fine perché ora fa i piani per vivere agiatamente in previsione della sua fine. Il loro motto è "costruimo oggi per avere un futuro domani".

    RispondiElimina
  16. Spesso sentivo dire nei discorsi, che satana ama le persone ignoranti .....senza che si rendevano conto parlavano di loro stessi.

    RispondiElimina
  17. Volevo raccontarvi un'esperienza piuttosto spiacevole che ho avuto ieri sera. L'ho inserita qui perché il tema del post riguarda in qualche modo la "creduloneria" di tanti che hanno abboccato a queste profezie fasulle. Ormai prendo ogni pretesto per non andare alle adunanze, e così, anche ieri sera, non sono andato. Mia madre come al solito è rientrata più fomentata che mai, contrariata dal fatto che fossi rimasto a casa. Stavamo guardando una puntata di SuperQuark dove si parlava delle convinzioni degli animisti, così lei ha sentenziato: "che stupidi, la loro non è spiritualità, è creduloneria!" Lì non ci ho visto più. Non tollero questi ragionamenti. Così ho risposto: "E la nostra cos'è...? Non è creduloneria, visto tutti gli intendimenti per la fine caduti nel vuoto...?" Potete immaginare la discussione che ne è seguita. Ha risposto che per lei queste sono cose senza importanza, che è "normale", e che l' "organizzazione di Geova" è ben altro...! Ho dovuto interrompere perché mi stava salendo la bile. Per dare dei "creduloni" agli altri ci vuole una bella faccia tosta! Proprio loro che se domani il corpo direttivo dicesse che gli asini volano, comincerebbero a guardare in alto! Roba da matti...!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, boccaccia nostra... :-))

      Mai attaccare un indottrinato frontalmente. Anche se avesse dei dubbi, pur di andarti contro, negherebbe con tutte le sue forze.

      Solo chi ne è uscito o ne sta uscendo può capire... se prendessi uno per uno molti TdG ed iniziassi a fargli certi discorsi, spegnerebbero il cervello. E' capitato a me... figuriamoci... ma non vale solo per i TDG

      Vale per tutte le religioni. Avete mai parlato con un madonnaro convinto od un evangelico convinto? Sono identici !!!

      Elimina
    2. Non si può giudicare una situazione in una maniera obbiettiva finché si è immersi in un sistema. Solo quando si inizia a riflettere con la propria mente e sopratutto prendendone le distanze, si riuscirà a capirne le realtà.

      Elimina
  18. Concordo in pieno. Il seme della ragione deve trovare terreno fertile,coltivato e innaffiato dolcemente. Forse nascerà un fiore...

    RispondiElimina
  19. http://blog.libero.it/wp/tribunaliberaweb/2017/08/09/la-rete-lipocrisia-la-falsita-religiosa/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto si spiega di come fanno esserci tanti santoni e tanti fedeli nel mondo .

      Elimina
  20. Risposte
    1. Molto interessante e molto accurato anche il blog di roberto JW analyze...l avevo di fianco e non ci ho mai fatto caso. (-:

      Elimina
    2. Ahaha mi vien da ridere ora si portano a casa che i rom e i sinti... leggete questo Articolo https://www.jw.org/it/testimoni-di-geova/attività/ministero/sinti-rom-germania/ non sanno più dove pescare altri "provoloni"

      Elimina
    3. i popoli che vogliono crescere culturalmente, e sognano sono tanti,e lì pesca la WT. La vecchia europa, non ha + voglia di essere illusa dai culti di ogni genere. Di popoli poveri che sognano rivalse, ce ne sono oltre 3 miliardi forse 4, calcolando india, bangladesch, corea, vietnam, tailandia, cambogi, alcune repubbliche russe, la cina, senza dimenticare il continente africano. Gente che desidera crescere e si fa affascinare da culti occidentali, ci sarà sempre. Ma anche li, passati pochi decenni, il tipo di messaggio della WT, andrà a scemare interesse.
      In europa ciò è accaduto in 50 anni, forse anche meno.

      Elimina
    4. lo si vede dalle tecniche della WT, ANCHE IL CONGRESSO DI QUESTA ESTATE! Non mira tanto alla crescita di nuovi tdg, MA QUANTO ALL'EMORRAGIA DI COLORO CHE DESIDERANO MOLLARE E ANDARSENE. Lo sanno perchè hanno tutti i dati in mano e riconoscono che nonostante la nuova distrazione del canale broadcasting, passato l'entusiasmo iniziale, siamo da capo a 48, E LO SANNO BENE! L'EMORRAGIA DI COLORO CHE MOLLANO CONTINUA.

      Elimina
    5. Credo che i vertici siano consapevoli del grave problema che affligge l organizzazione ..dalle dottrine che sono errate, agli scandali della pedofilia ....internet alla lunga li metterà in ginocchio
      LUCA 8 v 17.. , se questi signori tengono veramente alla verità, devono fare solo una cosa ...mettersi in discussione scusarsi con tutti quei ex TDG che hanno lottato per la giustizia ...e ritrattare le loro dottrine che non stanno più in piedi ...questo dimostrebbe per lo meno UMILTA ..quel umiltà che loro hanno sempre insegnato a tutti, ma che loro erano l esatto contrario.

      Elimina
    6. Se un culto del genere permettesse che il seme del dubbio si insinuasse nella mente degli adepti, sarebbe la fine.

      Stringeranno le maglie della rete, pochi ma indottrinati all'estremo, fino al sacrificio supremo !!

      Elimina
    7. Pingo(Antonio)11 agosto 2017 13:15

      Io ho riscontarto che nella mia zona da circa 2 anni dopo che ho avuto delle discussioni con tdg di vecchia data di mia conoscenza non li vedo più in giro a predicare, non voglio illudermi che siano stati i miei tentativi di farli ragionare sulle tante incongruenze e contradizioni che la società gli ha propinato nel corso di diversi decenni ma penso piùtosto che ormai all'età di 70 80 anni e anche più siano scoraggiati e delusi.

      Elimina
    8. Un TDG convinto si dovrebbe fare una domanda ...ma se l organizzazione crollasse che fine farebbe la mia fede in DIO ? se invece dice che questo non è possibile ..sarebbe la chiara dimostrazione che il suo vero DIO è l organizzazione...........provate per gioco a fare questa domanda ad un TDG convinto.

      Elimina
  21. Un anziano mi ha chiesto di salutarlo mio figlio pur sapendo che è disassociato da molto tempo al mio sguardo perplesso mi ha detto ...non preoccuparti tu fallo e basta lui è un anziano molto in vista spesso sostituisce Il sorvegliante ...può questo dire che sta cambiando qualcosa circa la disassociazione?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro amico delle 17,14 ma tu ti tieni al passo con lo studio delle pubblicazioni? Li ascolti i discorsi ai congressi estivi? Non ti accorgi che le direttive stanno peggiorando in tal senso?

      Elimina
  22. Invece no.
    Trattasi di novità dell'ultima ora .
    Pare che agli anziani sia stata data facoltà di poterlo fare!
    Altra grossa presa X i fondelli ...

    RispondiElimina
  23. Invece no, da news ultimissime pare che quanto accaduto all'anonimo del 12/8/17 corrisponda au una recentissima novità, rivolta ai soli anziani. Pare abbiano facoltà di salutare e/o avvicinare un espulso anche al di fuori delle strette attività spirituali.
    Anche questa una nota assurda, priva di coerenza e fondamento...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cioè... i familiari no e gli anziani si?? Disgustorama!!

      Elimina
    2. Questa x me e una trappola x scoprire se abbiamo contatti con figli disassociati

      Elimina
  24. Se vuoi tutti i libri di Russell in italiano ti linko il sito che le riporta tale e quale dall'originale all'italiano, tutti in pdf scaricabili http://www.profeziabiblica.org/venga-il-tuo-regno.html

    RispondiElimina
  25. mentre se volete altri libri del tempo di Rutherford sono disponibili libri scaricabili in pdf in quest'altro sito http://www.the-true-jw.org/pubblicazioni-libri.htm

    RispondiElimina

E' OBBLIGATORIO INSERIRE NEL CAMPO Nome/URL (selezionato dal menù "commenta come...") UN NICK con cui firmarsi. Non usate termini scurrili, insulti, calunnie, incitamenti all'odio razziale ed alla violenza, e NON menzionate la persone per nome o cognome reali. Sono vietati lo spamming, il copia-incolla ripetuto, i link a siti non approvati dalla redazione, i messaggi provocatori.
Altrimenti i post non saranno pubblicati o verranno cancellati.
La moderazione dei commenti è insindacabile ed a cura della redazione del blog. Se i vostri commenti non vengono pubblicati potete chiedere spiegazioni scrivendo alla redazione (vedi "come commentare" in alto nella colonna a sinistra)

Grazie

L'indirizzo email del blog lo trovate in fondo alla pagina (non nella visualizzazione per cellulari)

ARCHIVIO

.