Usando questo sito, dichiarate di aver letto il Disclaimer e le norme sulla Privacy relativa ai contatori Shinystat e whos.among.us


Per capire come "nasce" questo blog, leggere le pagine info sul blog nella colonna a sinistra
Un
archivio del blog, con tutti i post fino ad oggi pubblicati, elencati per mese, lo trovate in fondo alla pagina

NORME relative ai commenti alla pagina "COME COMMENTARE"

“Non c’è nulla di male se una persona cerca di confutare gli insegnamenti e le pratiche di un gruppo religioso che ritiene in errore”. (Svegliatevi! 8 settembre 1997, pagina 6)

mercoledì 30 dicembre 2015

Ragionamenti dannosi per la mente



A volte non ce ne accorgiamo, ma i modi di ragionare errati indotti ad arte da qualcun altro sono deleteri. Vediamo perchè, e come si applica ciò a noi Testimoni di Geova




* * * * *



Scritto da Misha Anouk dal sito taze.co (traduzione dall'inglese)


Questo post è un mio adattamento di un articolo che originariamente ho trovato in  Psychology Today scritto da Amy Morin, assistente sociale autorizzata , psicoterapista, e autrice di "13 Things Mentally Strong People Don’t Do" (13 cose che le persone mentalmente forti non fanno) Per visionare l'originale per favore visitate il sito. 
Ho applicato i concetti trovati in questo articolo al contesto di un testimone di Geova.

La forza mentale, o la sua assenza, ha ovviamente un'enorme influenza sulla nostra vita quotidiana. Questa forza mentale può essere indebolita da certi modi di pensare con conseguenze quali problemi di comunicazione, problemi di relazione, o il prendere decisioni non sane. A suo tempo io stesso tendevo ad avere questi modi di pensare e posso affermare che non solo mi rendevano difficile ragionare in modo critico ma mi portarono alla depressione...


lunedì 28 dicembre 2015

Individualità, consapevolezza... e poi?

il proclamatore consapevole

Qualche anno fa ascoltai un’intervista a Fabrizio De Andrè in cui narrava la sua esperienza in mano ai rapitori e il  modo in cui sia lui che la moglie stavano cercando di elaborare l’atroce vicenda che li vide prigionieri per molti mesi nascosti tra le montagne della Sardegna.
Tra le altre cose menzionò  un concetto che a distanza di tempo mi torna in mente sempre più spesso. Sosteneva di aver imparato a “non aver paura dell’uomo solo ma … dell’uomo organizzato. Cosa intendeva dire? Semplicemente auspicava che l’uomo, con la sua coscienza addestrata e modellata secondo canoni di umanesimo, si riappropriasse della propria individualità e non demandasse ad un gruppo di appartenenza le decisioni importanti della vita. In altre parole stava mettendo l’accento sulla necessità di avere una coscienza matura e vigile in grado di valutare i fatti e le decisioni autonomamente e senza filtri preimpostati da altri, che spesso determinano un condizionamento innaturale e mortificante...

(Cosa farà il "proclamatore consapevole"?)


domenica 27 dicembre 2015

Il fratello maggiore...


Perché molti non fanno nulla per aiutare i loro fratelli inattivi a ritornare dallo stesso Padre?


dal sito inattivo.info

Perchè si comportano così? Perchè da quando non frequento più la adunanze non mi telefonano più, e solo il mio amico/a mi manda ogni tanto un sms? 
Ho letto e sentito tante volte qualcuno porsi queste domande. I fratelli che scrivono sul sito inattivo.info hanno analizzato la parabola del figliol prodigo vista dal punto di vista del fratello maggiore.
Non ci avevo mai riflettuto a fondo, ma la loro analisi ha fatto cadere un altro velo dai miei occhi, aiutandomi a capire sempre meglio alcuni ragionamenti....


sabato 26 dicembre 2015

Contribuzioni volontarie, come vengono usate?




Ancora richieste di denaro, sollecitate dalla filiale Inglese...



Forse qualcuno conosce già il sito internet www.jwgift.org , creato appositamente dall'organizzazione per raccogliere fondi dal Regno Unito (e anche dall'estero).


Siamo bugiardi come un partito politico qualsiasi?


Notate cosa è scritto sulla Home del sito, riguardo all'uso che verrà fatto del denaro donato:



giovedì 24 dicembre 2015

Adotta un betelita




... una satira dal sito Geova.org


"Aderisci alla campagna:'non sono un rifiuto' ", "adotta anche tu un betelita (o un pioniere speciale)". Queste le esortazioni satiriche che potete leggere nel sito summenzionato. In effetti, come dice il breve articolo, c'è chi una volta arrivato in Betel, si aspettava che "mamma organizzazione" lo accudisse per tutta la vita. Avere un'improvviso "benservito" dalla Watchtower, con tanto di lettera ciclostilata in cui  si esorta l'esodato a "confidare in Geova", sa di beffa.



mercoledì 23 dicembre 2015

Il bullismo in congregazione



nozioni di psicologia, ed applicazioni in congregazione: il bullismo (teocratico)


Il triangolo psico-drammatico o triangolo di Karpman 


Qualcuno di voi riconosce in questo schema se stesso o qualche parente o amico?

Il triangolo psicodrammatico o triangolo di Karpman è uno strumento di analisi ideato da Stephen Karpman per studiare i giochi psicologici che vengono messi in atto dall'essere umano per soddisfare principalmente il bisogno di riconoscimento. 

Si compone da tre ruoli: Persecutore, Salvatore e Vittima. 

“Di volta in volta tutti recitiamo le parti di Persecutore, di Salvatore, di Vittima; ma è anche certo che tutti tendiamo ad affrontare la vita facendo di preferenza i giochi da una posizione favorita. Non sempre è chiaro, a chi lo interpreta, quale sia questo suo ruolo preferito: può capitare che ci comportiamo in un determinato modo e abbiamo invece la sensazione di comportarci in un modo tutto diverso. Non è raro ad esempio, che una persona che si sente Vittima perseguiti in realtà chi gli sta attorno. E spesso è questo scambio di ruoli che crea un dramma” (James, Jongeward,1971).


I 3 ruoli di questo triangolo visti all'interno della congregazione...


martedì 22 dicembre 2015

domenica 20 dicembre 2015

La nostre riviste sono davvero efficaci?


Svegliatevi e Torre di Guardia... quanto sono servite?


“Chi è realmente l’economo fedele, il discreto, che il suo signore costituirà sulla sua servitù per dar loro la loro porzione di cibo a suo tempo?” — LUCA 12:42.

Questo economo ha stampato per anni miliardi di riviste cartacee, adesso disponibili anche su www.jw.org...




venerdì 18 dicembre 2015

Un popolo che giudica il prossimo


Matteo 7:1-3
“Smettete di giudicare affinché non siate giudicati;poiché col giudizio col quale giudicate, sarete giudicati; e con la misura con la quale misurate, sarà misurato a voi. Perché, dunque, guardi la pagliuzza che è nell’occhio del tuo fratello, ma non consideri la trave che è nel tuo occhio?"

da una collaboratrice...



mercoledì 16 dicembre 2015

Elogio della fuga




Quando non può lottare contro il vento e il mare per seguire la sua rotta, il veliero ha due possibilità: l’andatura di cappa che lo fa andare alla deriva, e la fuga davanti alla tempesta con il mare in poppa e un minimo di tela... 
Forse conoscete quella barca che si chiama desiderio…
di Henri Laborit.

Questo bellissimo articolo...(continua)


martedì 15 dicembre 2015

Riflessioni di notti insonni



Una lettrice ci scrive le sue riflessioni...

Ripenso spesso, forse troppo spesso visto che passo molte notti insonni, alla mia vita messa "in armonia" con la volontà del Corpo Direttivo, lo Schiavo Fedele e Discreto, con questa organizzazione basata sulla Bibbia e che si identifica con Dio stesso (la nomina è fatta in armonia con i requisiti richiesti dalla Parola di Dio, quindi dallo Spirito Santo, ergo se critichi un nominato stai criticando lo Spirito Santo di Dio)...

domenica 13 dicembre 2015

I lettori ci scrivono


email di un lettore

Non buttiamo il bambino...


Concordo con gran parte degli articoli di questo blog, con le domande che pone e le perplessità che argomenta. Leggo anche dai molti commenti come alcuni fratelli e sorelle trovano sempre più difficile continuare “come nulla fosse” a essere testimoni di Geova come sempre. Sembra che la china quasi inesorabile di questo processo di consapevolezza sia divenire piano piano “inattivi”, cioè smettere di associarsi alla congregazione e a compiere l’opera di predicazione...



venerdì 11 dicembre 2015

La predicazione della buona notizia: un segno divino?




Dissonanza cognitiva e opera di predicazione: come la mente compensa le incongruenze

Parlando con amici e familiari, recentemente mi sono accorto di una cosa: nonostante tutte le incongruenze che vediamo nell'organizzazione, gli scandali sulla pedofilia, le direttive errate, l'associazione con l'ONU, le profezie sul 1914 senza basi bibliche nè storiche, alla fine il pensiero ricorrente, che ricompone il vaso rotto, che sana le evidenti incongruenze, è quasi sempre il solito.
Quale? Che il segno della guida di Geova nei confronti dell'organizzazione è il fatto che l'opera di predicazione progredisce di anno in anno, e che milioni di riviste vengono distribuite, mentre miliardi di ore di servizio vengono segnate sui rapporti del servizio di campo, ed i proclamatori aumentano. Geova sta avvertendo il mondo che porterà il suo giudizio.

Avendo trattato ultimamente nei post sulla dissonanza cognitiva, di come il nostro cervello e la nostra mente cercano continuamente dei motivi validi per non farci abbandonare ciò che per lungo tempo abbiamo creduto, ho iniziato a farmi delle domande...


giovedì 10 dicembre 2015

Adunanza di servizio 21 dicembre 2015


Il video emozionale per esortarci a contribuire... quando le esortazioni non incidono più sulla nostra mente, serve altro per stimolare le coscienze ! 
Nella settimana del 21 dicembre 2015, in tutte le sale del Regno...

Avevamo già commentato la parte in programma del ministero del regno più di un mese fa.

Veniamo invitati a contribuire sempre di più mentre gli immobili (sale del regno e sale assemblee) vengono venduti ed i volontari a tempo pieno (pionieri speciali e beteliti) vengono ridotti: a voi non suona strano?



Oggi emerge dell'altro: una lettera del corpo direttivo...
Durante quell'adunanza, la lettera del corpo direttivo suggerisce di utilizzare il video emozionale "un dono nelle mani di Geova", scaricabile in molte lingue da jw broadcasting, per rassicurare la fratellanza mondiale del "buon uso" che verrà fatto delle contribuzioni...

martedì 8 dicembre 2015

Siamo in "continuo aumento" in Germania?



In un comunicato stampa esposto in una sala assemblee, i Testimoni di Geova in Germania affermano di registrare un "aumento continuo" di membri da circa 20 anni... 

Ma cosa emerge da uno sguardo più attento?

Sale delle assemblee, base betel e sale del regno in vendita in tutto il mondo. L'espansione è finita?

dal sito www.taze.co



domenica 6 dicembre 2015

Accertiamoci di ogni cosa !



“Chiunque è inesperto ripone fede in ogni parola”


“Stolto è l’uomo che non legge mai il giornale; ancor più stolto è l’uomo che crede a quello che legge solo perché è scritto nel giornale” August von Schlözer, storico e pubblicista tedesco (1735-1809)


Sulla torre di guardia del mese di ottobre 2015 (la stessa che ci esorta a non considerare vere le notizie diffamatorie che leggiamo sui giornali, relative all'organizzazione) il medesimo articolo, inizia con le parole di Von Schlozer, sopra riportate....


venerdì 4 dicembre 2015

77 capi d'accusa per la Watchtower in Australia



77 capi d'accusa per la Watchtower in Australia, dopo la lunga audizione di un membro del corpo direttivo dei Testimoni di Geova, Goffrey Jackson. L'occultamento dei casi di pedofilia alle autorità

 Parla il fratello Jackson membro del CD

AGGIORNAMENTO CON FILMATI SOTTOTITOLATI IN ITALIANO 

FINALMENTE COMPLETA ANCHE LA 2A PARTE

SOTTOTITOLI IN ITALIANO


giovedì 3 dicembre 2015

Anonymous minaccia la Watchtower



Un messaggio minaccioso comparso su  youtube...


Qualche mese addietro, è comparso su youtube un altro proclama di Anonymous. Un'organizzazione che lavora dietro le quinte, con lo scopo di portare alla pubblica attenzione fatti e documenti "scottanti" che normalmente vengono nascosti alle masse, con lo scopo di pilotare e controllare l'informazione. Adesso questa fantomatica organizzazione, rivolge la propria attenzione alla Watchtower ed ai suoi imbarazzanti segreti.

Visto che se ne parla in giro, riteniamo giusto informarne i lettori che ancora non lo avessero visto...


martedì 1 dicembre 2015

“Lascia che i morti seppelliscano i loro morti”



Una giovane donna mostra solidarietà tenendo in alto la bandiera francese a seguito degli attacchi terroristici che a Parigi hanno stroncato 130 vite.




"Lascia che i morti seppelliscano i loro morti..."
un fratello sentì pronunciare queste parole quando...

Bellissimo articolo tratto da un sito americano. 

Quando l'indottrinamento ricevuto ci limita nel fare del bene agli altri... e questo, a sua volta, crea cause d'inciampo